Antonio Manzi – 2014

Antonio Manzi nasce a Montella (Avellino) il 15 marzo del 1953, si trasferisce in Toscana, a Lastra a Signa nel 1957.

A dodici anni con il Ritratto del nonno scopre che nel disegno può convogliare e esprimere le sue emozioni, le sue angosce, la fatica di crescere.

Autodidatta, nel 1968, vince il primo premio alla mostra di pittura estemporanea di Lastra a Signa e molti iniziano a conoscere e stimare quel ragazzo che quasi tutte le sere disegna sui tavoli della trattoria Sanesi di Lastra a Signa. Ai primi disegni eseguiti sul lino alterna la pittura. Arrivano i primi riconoscimenti. Sono l’apprezzamento di pubblico e di critica a spingerlo a dedicarsi interamente alla pittura. Nel 1972 la prima mostra personale alla Galleria Guelfa di Firenze dove espone 80 opere tra dipinti e disegni, nel 1974 la mostra a Padova alla Galleria d’arte Padova 10. Nel 1975 la prima mostra a Campi Bisenzio. Sono le prime tappe del suo percorso artistico e di una crescita personale tormentata e complessa a cui la pittura non basta più. Studia, lavora, intraprende lunghi viaggi all’estero, e scopre che altre tecniche, oltre al disegno ed alla pittura gli sono congeniali. Ecco quindi l’approccio anche a materiali diversi che gli consentono di esprimersi a tutto tondo. Nel 1977 le prime opere in ceramica, nel 1984 la pittura in affresco e l’incisione di oltre 200 punte secche, nel 1990 i primi graffiti, nel 1991 le prime sculture in terra cotta e in bronzo, nel 1995 a Pietrasanta le prime sculture in marmo. Dal 1991 alcune sue opere, sculture, affreschi, abbelliscono piazze pubbliche e chiese e sono molti i riconoscimenti tributati. Nel 2005 la grande mostra scultorea Antonio Manzi a corte al Giardino di Boboli di Firenze.

Antonio Manzi, come tanti altri artisti, in quasi quaranta anni ha essenzialmente rappresentato l’uomo, i suoi sentimenti ed il suo essere nel mondo, partendo dall’esperienza individuale per farne simbolicamente esempio di tutta l’umanità.

L’iniziale e personale sofferenza esistenziale lo ha portato a rappresentare in maniera visionaria e disperata il tormento e il male che vedeva nella società attraverso materie e tecniche che esaltavano l’immediatezza e l’incisività del segno a cui era demandata tutta la sua espressività creativa.

Così come è divenuta nel tempo una necessità la costante ricerca di nuovi materiali nell’approfondirsi del suo rapporto con l’arte e per una mutuata visione del mondo tale da determinare anche un rinnovamento dei temi ed una emblematica evoluzoine stilistica.(Gabriella Mancini – tratto dal catalogo “Il Museo Manzi”)

Date

22 January 2016

Category

Art Exhibitions

BOOK


QUICK BOOKINGS

HOSPITALITY
CONTENT NOT AVAILABLE.
TO SEE IT ENABLE COOKIES BY CLICKING TO 'ACCEPT' ON THE BANNER
OTHER BOOKING OPTIONS

TOURS OR COURSES

A TABLE AT IL CAVALIERE

A WINE


You can book also by phone calling the number
+39 055821053

NEWSLETTER

This site uses cookies to improve your browsing experience. To understand which cookies and how they are used, consult our Privacy page. Accept cookies by clicking on the 'Accept' button. At any time from the relative page you can review and change your consent. MORE INFORMATIONS

This site uses cookies to provide the best browsing experience possible. By continuing to use this site without changing your cookie settings or clicking on "Accept" you allow their use.

Close